Dove osano le aquile (1968)

13 Dic
Articolo già pubblicato il 25/07/2010 su http://carovecchiocinema.splinder.com/

__________

Una squadra di soldati inglesi viene inviata in Germania con lo scopo di liberare un generale americano tenuto prigioniero dai nazisti in un castello quasi inespugnabile situato in mezzo alle montagne innevate. Il gruppo è comandato dal maggiore Smith (Richard Burton) e fra essi vi è anche un americano, il tenente Schaffer (Clint Eastwood). L’obiettivo ufficiale del difficile compito è di impedire che il prigioniero possa rivelare ai tedeschi preziose informazioni circa lo sbarco alleato in Europa. In realtà la missione è una messa in scena predisposta allo scopo di smascherare il controspionaggio tedesco infiltratosi nei vertici del comando britannico. Il prigioniero che i tedeschi credono sia il generale americano, infatti, altro non è che un attore al servizio degli inglesi.
La trama apparentemente articolata e macchinosa rende invece il film avvincente e meno scontato rispetto a molti altri appartenenti a questo genere. Molto belle e spettacolari le tante scene d’azione anche se alcune sono un po’ al limite del realistico. Per quanto riguarda il cast, tutti sono stati all’altezza della situazione: Richard Burton solido e convincente, nonostante non fosse più giovanissimo; Clint Eastwood preciso e in forma smagliante e Mary Ure decisa e pimpante. Da sottolineare anche le buone prove di Patrick Wymark, del veterano Michael Hordern e di Anton Diffring, attore già collaudato nel vestire i panni di ufficiale tedesco.
Il soggetto del film è tratto da un romanzo di Alistair MacLean e fu lo stesso autore a curarne la sceneggiatura. Ai Laurel Awards del 1970 questa pellicola ricevette due nominations per il Golden Laurel: una per la categoria film drammatico d’azione (Action Drama) e l’altra a Clint Eastwood come performance d’azione. Il film ebbe un ottimo riscontro sul pubblico e ancora oggi è molto conosciuto e apprezzato: per gli amanti del genere si tratta di un vero e proprio cult!

PS:
Per i più curiosi, esiste un sito internet non ufficiale in inglese dedicato a questa pellicola dove si possono trovare tantissime informazioni e curiosità. Ecco il link: http://www.whereeaglesdare.com

Alcuni dati sul film:

Titolo originale: Where eagles dare
Anno: 1968
Genere: spionaggio, guerra, azione
Regia: Brian G. Hutton
Sceneggiatura: Alistair McLean
Soggetto: da un romanzo di Alistair MacLean
Musica: Ron Goodwin

Cast:
Richard Burton interpreta il maggiore Smith
Clint Eastwood interpreta il tenente Schaffer
Mary Ure interpreta Mary
Patrick Wymark interpreta il colonnello Turner
Michael Hordern interpreta l’ammiraglio Rolland
Robert Beatty interpreta il generale Carnaby
Anton Diffring interpreta il colonnello Kramer
Ferdy Mayne interpreta il generale Rosemeyer
Ingrid Pitt interpreta Heidi
Derren Nesbitt interpreta il maggiore Von Hapen
Donald Houston interpreta il capitano Christiansen
Peter Barkworth interpreta Berkeley
William Squire interpreta il capitano Thomas
Brook Williams interpreta il sergente Harrod
Neil McCarthy interpreta il sergente MacPherson

Alcune immagini del film:

Smith (Richard Burton) e Schaffer (Clint Eastwood) osservano da lontano la roccaforte nazista.

Smith spiega il piano d'azione a Mary (Mary Ure) sua collaboratrice nonchè amante.

L'intervento di un ufficiale delle SS mette a repentaglio l'esito della missione.

La spettacolare scena della lotta sulla teleferica.

Annunci

4 Risposte to “Dove osano le aquile (1968)”

  1. davide dicembre 15, 2011 a 7:05 am #

    quando si facevano film di genere,magara pure per incassare qualcosa e basta e poi:la scena della funivia,ed entri nel mito.Come codesto film,i cannoni di navarone,il ponte sul fiume kwai.
    Bastardi Senza Gloria?Ma mi faccia il piacere,mi faccia!
    Poi Eastwood e Burton insieme già questo basta!

    • atticus76 dicembre 15, 2011 a 1:03 pm #

      Chiaramente un pensierino alle casse da parte dei produttori veniva fatto; però, lo spettatore che vedeva film come questo al cinema credo che rimanesse abbastanza soddisfatto! La buona riuscita di pellicole d’azione come “Dove osano le aquile” stà nella scelta di sceneggiature robuste, una direzione saggia e un cast di attori di livello. L’accoppiata Burton-Eastwood è assolutamente di prim’ordine. Così come strepitoso è il cast de “I cannoni di Navarone” – di cui ho già parlato in questo blog – che hai giustamente ricordato nel tuo commento.

      Alla prossima, ciao!
      Francesco

      • davide dicembre 15, 2011 a 5:21 pm #

        si,c’era la cura della sceneggiatura pure nei film di azione del tempo.
        Questa è la cosa che li rende migliori alle tamarrate odierne.I film li scrivevano degli scrittori,non dei pirla citazionisti

  2. atticus76 dicembre 15, 2011 a 7:35 pm #

    @ davide

    Sì, credo anch’io alla fine che la vera differenza tra cinema del passato e cinema odierno, in particolare per il genere azione/guerra/avventura, stia nella sceneggiatura. Sia le sceneggiature originali ma soprattutto quelle tratte da racconti o romanzi già esistenti hanno subito un incredibile declino negli anni e anche gli argomenti trattati e i dialoghi sono andati scadendo verso il banale, il demenziale o l’isterismo gratuito. Ma, evidentemente, questo è ciò che richiede la maggior parte del pubblico. Peccato, ma per fortuna ci si può “rifugiare” nel passato dove raramente si rimane delusi.

    Buona serata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: