Gioventù bruciata (1955)

23 Gen
Articolo già pubblicato il 07/06/2011 su http://carovecchiocinema.splinder.com/

__________

Jim Stark (James Dean) è un giovane irrequieto che vive un difficile rapporto con i genitori. Il padre Frank (Jim Backus) non ha un carattere forte e si lascia influenzare nelle decisioni importanti dalla moglie Carol (Ann Doran). Quest’ultima, invece, ogni volta che il figlio combina qualche guaio vede come unico rimedio quello di andare a vivere in un’altra città sperando che le cose vadano meglio. Nella nuova città in cui si sono appena trasferiti, Jim conosce Judy (Natalie Wood), una sua coetanea, anch’essa con problemi nei rapporti col padre, e diventa amico di John Crawford (Sal Mineo), detto Plato, un ragazzo insicuro e fragile, cresciuto senza il padre e poco seguito dalla madre. Judy frequenta un gruppo di ragazzi piuttosto agitati il cui leader è Buzz (Corey Allen). Questi prende di mira Jim e, dopo una scaramuccia con lui, lo coinvolge in una pericolosa prova di coraggio. La sfida consiste nel lanciarsi a tutta velocità usando delle auto rubate verso un burrone e di abbandonare la vettura il più vicino possibile all’orlo del precipizio. Ma qualcosa non va nel verso giusto e Buzz perde la vita in questa folle sfida.
Jim torna a casa sconvolto e vorrebbe denunciare il fatto alla polizia ma i genitori, per paura delle conseguenze, preferirebbero che il figlio non dicesse niente. Jim si reca comunque dalla polizia ma alla fine non racconta nulla. Viene però visto da alcuni amici di Buzz i quali credono che egli abbia raccontato l’accaduto alla polizia e si mettono alla sua ricerca per dargli una lezione. Mentre torna a casa, Jim incontra Judy: i due non hanno alcuna voglia di tornare a casa e Jim si ricorda di una villa abbandonata poco fuori città di cui gli aveva parlato l’amico Plato e decide di andare là con Judy. Intanto gli amici di Buzz trovano Plato e lo costringono a dar loro l’indirizzo della casa di Jim. Plato, sconvolto, prende da casa sua una pistola e si mette anch’egli alla ricerca dell’amico Jim per avvisarlo del pericolo. Non trovando Jim in casa, Plato immagina che possa essere andato alla villa e così si reca lì anche lui.
Nel frattempo anche la polizia, avvisata delle famiglie dei ragazzi, si mette alla loro ricerca. Quando gli agenti giungono alla villa si ode uno sparo: Plato spara un colpo e ferisce uno degli amici di Buzz giunti là poco prima. Il ragazzo tenta di sparare anche a uno degli agenti e poi scappa verso un edificio sul quale si trova il planetario, un salone usato dalla scuola della città per svolgere lezioni di geografia astronomica. Il ragazzo si rinchiude nell’edificio che viene presto circondato dalle forze dell’ordine. Anche Jim e Judy, senza essere visti, entrano nell’edificio e Jim, una volta trovato Plato, riesce di nascosto a togliere il caricatore dalla sua pistola e lo convince a uscire fuori dalla struttura per consegnarlo alla polizia. Appena giunti fuori, però, il fragile ragazzo alla vista di tanta gente e tante luci si mette a correre e uno degli agenti, convinto che la pistola che egli ha in mano è ancora carica, gli spara uccidendolo.
Un finale amaro per un film che è stato, ed è tuttora, un manifesto del disagio giovanile piuttosto diffuso in America negli anni ’50. Non solo, questo film è soprattutto una denuncia verso una delle cause principali che sono alla base di questo disagio dei giovani: i loro genitori. In questo senso, il regista Nicholas Ray centra in pieno il bersaglio utilizzando una trama piuttosto lineare e semplice ma che fa emergere chiaramente la sua critica – il regista fu autore anche del soggetto e per questo ricevette una nomination agli Oscar. Dei tre film in cui James Dean è stato protagonista, questo è probabilmente quello per cui il bravo attore è più spesso ricordato e che ne ha lasciato l’immagine di ragazzo ribelle. Sicuramente l’interpretazione quì è stata memorabile come, purtroppo, le poche altre. Ottima anche la prova del giovane Sal Mineo: nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista per lui, così come per Natalie Wood.

Alcuni dati sul film:

Titolo originale: Rebel without a cause
Anno: 1955
Genere: drammatico
Regia: Nicholas Ray
Sceneggiatura: Stewart Stern
Soggetto: Nicholas Ray, Irving Shulman
Musica: Leonard Rosenman

Cast:
James Dean interpreta Jim Stark
Natalie Wood interpreta Judy
Sal Mineo interpreta John “Plato” Crawford
Jim Backus interpreta Frank Stark
Ann Doran interpreta Carol Stark
Corey Allen interpreta Buzz Gunderson
William Hopper interpreta padre di Judy
Rochelle Hudson interpreta madre di Judy
Dennis Hopper interpreta Goon
Edward Platt interpreta Ray Fremick

Alcune immagini:

Annunci

4 Risposte to “Gioventù bruciata (1955)”

  1. viga1976 gennaio 23, 2012 a 2:57 pm #

    io,sinceramente sono più legato al Gigante.Nondimeno riconosco che Dean per moltissimo tempo è stato il simbolo del ribellismo della gioventù occidentale.Anche qui divido tra ribelli-che non amo-e rivoluzionari.Ma questa è un’altra storia,come direbbe il barista di Irma la dolce!^_^
    Oh,ma è un film straordinario comunque!

    • atticus76 gennaio 23, 2012 a 9:07 pm #

      A mio parere l’interpretazione di James Dean ne “Il gigante” è stata quella più completa (tecnicamente straordinaria) perchè il personaggio da lui interpretato in quel film è stato quello più complesso e ricco di sfumature – rispetto a quelli degli altri due film in cui è stato protagonista. Nondimeno, l’impressione è che, nell’immaginario collettivo, l’attore sia ricordato maggiormente per il ruolo di ribelle in questo film appunto e anche per quello del grandissimo “La valle dell’Eden”.

      Buona serata, ciao!
      Francesco

  2. viga1976 gennaio 24, 2012 a 2:58 pm #

    si,nell’immaginario collettivo è entrato per codesto film

    • atticus76 gennaio 24, 2012 a 7:51 pm #

      Già, probabilmente perchè il personaggio del ribelle in effetti ha fatto più ‘presa’ sul pubblico….

      Ciao, a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: