Tag Archives: Gregory Peck

I ragazzi venuti dal Brasile (1978)

26 Gen
Articolo già pubblicato il 07/09/2011 su http://carovecchiocinema.splinder.com/

__________

TRAMA

1974 – Il giovane Barry Kohler si trova in Paraguay per seguire i movimenti di un gruppo di ex ufficiali nazisti che si trovano a piede libero in sudamerica. Kohler intuisce che c’è sotto qualcosa di grosso e si mette in contatto con Ezra Lieberman, un famoso cacciatore di criminali nazisti, ormai anziano, che vive a Vienna con la sorella Esther. Lieberman capisce che il ragazzo si sta mettendo nei guai e gli consiglia di desistere da questa pericolosa impresa e di andarsene immediatamente dal Paraguay. Ma Kohler continua la sua personale indagine e scopre che il gruppo di ex nazisti ha intenzione di riunirsi nella villa di uno di essi; con la collaborazione di un servo della villa, il piccolo Ismael, Kohler riesce a far piazzare un ricevitore radio nella sala riunioni per poter ascoltare e registrare la conversazione dall’esterno dell’abitazione. La riunione è presieduta da Josef Mengele, colui che, durante il nazismo, fu il medico del campo di concentramento di Auschwitz e autore di innumerevoli atroci esperimenti nei confronti di tantissimi deportati. Mengele espone ai suoi camerati un inquitante progetto di rinascita del nazismo il quale, per poter essere attuato, prevede l’assassinio di 94 uomini di 65 anni di età che vivono in varie nazioni del mondo. Questi delitti devono avvenire secondo una tabella di marcia ben definita e con scadenze temporali più precise possibili. Qualcosa però non và per il verso giusto e si scopre la presenza del ricevitore: la riunione viene subito interrotta e il piccolo collaboratore di Kohler, una volta scoperto, è costretto a rivelare l’identità della spia. Kohler, intanto, giunto al suo appartamento, si mette subito in contatto telefonico con Ezra Lieberman e gli rivela quanto scoperto, ma prima che la conversazione si concluda, il giovane viene assassinato dagli uomini di Mengele. Quest’ultimo capisce che all’altro capo del telefono c’è Lieberman, ma nonostante ciò è fermamente deciso a proseguire nell’attuazione del suo progetto, convinto che gli indizi sono troppo vaghi e sconnessi perchè il piano possa essere scoperto. Lieberman, dal canto suo, vorrebbe fare luce sulla situazione ma effettivamente le informazioni a sua disposizione non gli consentono di capire cosa stia tramando l’ex medico del terzo Reich.
L’anziano cacciatore di nazisti decide allora di raccogliere informazioni su tutti gli uomini di 65 anni che vengono assassinati nelle nazioni di cui gli ha parlato Kohler e di andare a trovare le vedove di questi uomini. La maggior parte di queste visite si rivela infruttuosa, però il nostro arguto signore scopre che due dei figli di questi uomini assassinati sono identici fra loro sia come aspetto che come comportamento. Egli scopre, inoltre, che questi ragazzi, che hanno circa 14 anni, capelli neri e occhi azzurri, non sono figli naturali ma sono stati adottati tramite un’agenzia sudamericana e l’intermediario delle adozioni era una donna tedesca. Lieberman pensa che la donna dell’agenzia possa essere Frieda Maloney, una ex guardiana di un campo di concentramento che ora si trova in carcere con l’accusa di aver ucciso tanti bambini ebrei. Fu proprio Liberman che la trovò dopo tanti anni dalla caduta del nazismo e la fece condannare. Dal colloquio in carcere con la donna, Lieberman ottiene delle informazioni decisive per la sua indagine: Frieda Maloney, infatti, ammette di aver effettivamente lavorato in una agenzia di adozioni gestita da ex nazisti e che il suo compito era quello di affidare dei bambini provenienti dal Brasile a una ventina di famiglie americane. Il nostro riesce anche a farsi dare il nome di una di queste famiglie a cui è stato affidato uno dei bambini in questione: si tratta della famiglia Wheelock che vive in Pennsylvania. Lieberman telefona subito a questa famiglia e avverte il signor Wheelock che qualcuno potrebbe ucciderlo e decide di andare là di persona.
Intanto si viene a sapere presso l’organizzazione neonazista che finanzia il progetto di Mengele, che Lieberman oramai conosce troppe cose e si decide di sospendere l’operazione e di richiamare tutti i sicari. Mengele non demorde e vuole continuare da solo a portare avanti il suo folle progetto e, quindi, proseguire con l’assassinio dei rimanenti uomini della sua lista. Il primo di questi che deve essere ucciso è proprio il signor Wheelock che vive in Pennsylvania. Per Lieberman ormai è chiaro che i bambini provenienti dal Brasile e che sono stati dati in affidamento da Frieda Maloney sono stati creati dal dottor Josef Mengele. Ma non riesce ancora a comprendere perchè i padri adottivi di questi bambini vengono assassinati una volta raggiunta l’età di 65 anni e, nel contempo, quando i loro figli adottivi ne hanno compiuto 14. La risposta a quest’ultimo interrogativo Lieberman la trova dopo una chiacchierata col professor Bruckner, dell’Università di Vienna, il quale gli fornisce delle spiegazioni sul meccanismo della clonazione e come questa possa essere potenzialmente applicata anche sugli esseri umani. In quest’ultimo caso la clonazione potrebbe consentire di ottenere delle repliche di grandi uomini come Mozart o Einstein, per esempio. Bruckner spiega anche che per ottenere una copia identica di un essere umano sia dal punto di vista fisico che intellettuale è necessario che il nuovo essere clonato viva in un contesto ambientale che assomigli il più possibile a quello in cui ha vissuto la persona che si vuole replicare. Lieberman focalizza la sua attenzione sull’ambiente familiare in cui hanno vissuto i ragazzi provenienti dal Brasile che, nei i casi a lui noti, presenta delle forti analogie: padre un po’ anziano e autoritario con un posto di dipendente statale, madre un po’ giovane e permissiva; infine il padre muore all’età di 65 anni. La conclusione di Lieberman è agghiacciante: il piano di Mengele è quello di cercare di creare un altro Adolf Hitler!
Come previsto, Lieberman parte alla volta della Pennsylvania per trovare la famiglia Wheelock ma Josef Mengele arriva poco prima di lui. Il signor Wheelock in quel momento si trova solo in casa e quando apre la porta e chiede all’uomo che gli sta davanti se si tratta di Lieberman, Mengele astutamente annuisce. Wheelock ha in casa dei doberman addestrati ad attaccare chiunque cerchi di minacciare il loro padrone. Lo spietato medico tedesco allora, con una scusa, riesce a convincere Wheelock a rinchiudere i suoi cani in una stanza e subito dopo lo uccide con alcuni colpi di pistola. Nel frattempo giunge alla casa dei Wheelock anche Lieberman: appena questi vede Mengele gli si avventa contro ma quell’altro, essendo armato, riesce ad avere la meglio. Lieberman è ferito ma, nonostante Mengele gli tenga puntata contro la pistola, riesce con uno scatto ad aprire la porta della stanza in cui si trovavano rinchiusi i cani di Wheelock. Le bestie si avventano subito su Mengele facendogli perdere l’arma e rendendolo inoffensivo. A quel punto il figlio adottivo dei Wheelock, Bobby, rientra a casa da scuola e si trova davanti agli occhi i due uomini feriti. Alla vista del ragazzo, Mengele è colto da un senso di compiacimento per una delle sue creature e cerca di spiegargli lo scopo a cui è stato predestinato. L’agonizzante Lieberman dice a Bobby che Mengele ha ucciso suo padre e quando il ragazzo vede il corpo del genitore riverso in cantina ordina ai cani di attaccare a morte Mengele. Lieberman viene ricoverato in ospedale e riesce a sopravvivere nonostante le gravi ferite riportate. La morte di Mengele porta via con sè l’inaudito tentativo di creare un nuovo Adolf Hitler, ma ora un nuovo problema si presenta nei pensieri di Lieberman: se si venisse a conoscenza dei nomi di tutti i ragazzi clonati da Mengele, qualcuno potrebbe decidere di soppriemerli perchè potenzialmente pericolosi. Per evitare che ciò possa accadere, Lieberman brucia la lista con i loro nomi che era riuscito a prelevare dalla giacca di Mengele dopo che questi era stato ucciso dai doberman in casa Wheelock.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Dopo aver diretto film di grande spessore come Il pianeta delle scimmie, Patton generale d’acciaio e Papillon, Franklin J. Schaffner dimostra tutta la sua abilità e consolidata esperienza con questo I ragazzi venuti dal Brasile. Certamente fare una trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Ira Levin poteva essere un’impresa rischiosa viste le tematiche in gioco (neonazismo e clonazione umana) e soprattutto si poteva correre il rischio di cadere nel thriller-fantastico convenzionale. Invece, grazie anche a una sceneggiatura che rispecchia l’impostazione del romanzo, il buon regista riesce a sfornare un robusto film, teso e coinvolgente, basato su una iniziale vicenda misteriosa che viene svelata gradualmente con un crescendo ben ritmato. Forse l’unico momento in cui si eccede nel tentativo di enfatizzare la tensione è nella parte finale del film quando i due protagonisti-antagonisti si incontrano nella casa dei Wheelock. Ma si tratta di un piccolo peccato veniale che non può certo compromettere l’efficacia di questa pellicola. Altro grande punto di forza è il cast di attori scelti per questo film. Per il ruolo dei due protagonisti, Mengele e Lieberman, sono stati designati due grandissimi nomi del cinema: Gregory Peck e Laurence Olivier. Per Gregory Peck si è trattato di un ruolo insolito; infatti l’attore è stato quasi sempre impiegato in parti di personaggi positivi. Quì la sfida per lui è stata difficile ma è riuscito a cavarsela bene e grazie alla sua grande esperienza ha dato vita a un personaggio senza scrupoli, esaltato, con i suoi scatti d’ira e i suoi folli vaneggiamenti. Dall’altra parte c’è l’interpretazione assolutamente monumentale di Lord Olivier: intensa, precisa, a tratti anche ironica, con una espressività e una gestualità impressionanti. Ottimi anche gli altri interpreti di supporto a cominciare dall’inossidabile James Mason e dalla bravissima Lilli Palmer, senza dimenticare Uta Hagen e Steven Guttemberg. Degna di menzione anche l’efficace colonna sonora firmata da Jerry Goldsmith basata su un valzer cupo e inquietante.

Alcuni dati sul film:

Titolo originale: The boys from Brazil
Anno: 1978
Genere: drammatico, fantastico
Regia: Franklin J. Schaffner
Sceneggiatura: Heywood Gould
Soggetto: da un romanzo di Ira Levin
Musica: Jerry Goldsmith

Cast:
Gregory Peck interpreta il dottor Josef Mengele
Laurence Olivier interpreta Ezra Lieberman
James Mason interpreta Eduard Seibert
Lilli Palmer interpreta Esther Lieberman
Uta Hagen interpreta Frieda Maloney
Steven Guttenberg interpreta Barry Kohler
John Dehner interpreta Henry Wheelock
Rosemary Harris interpreta la signora Doring
Anne Meara interpreta la signora Curry
John Rubinstein interpreta David Bennett
Jeremy Black interpreta Jack Curry, Simon Harrington, Erich Doring, Bobby Wheelock
Denholm Elliott interpreta Sidney Beynon
David Hurst interpreta Strasser
Bruno Ganz interpreta il professor Bruckner
Walter Gotell interpreta Mundt
Wolfgang Preiss interpreta Lofquist
Sky Dumont interpreta Hessen

Alcune immagini:

Il promontorio della paura (1962)

10 Gen
Articolo già pubblicato il 23/03/2011 su http://carovecchiocinema.splinder.com/

__________

Dopo aver scontato otto anni di prigione per maltrattamenti a una donna, Max Cady (Robert Mitchum) si mette alla ricerca di Sam Bowden (Gregory Peck), l’uomo che fornì una testimonianza decisiva per la sua condanna. Cady è deciso a vendicarsi di Bowden e intraprende una serie di atti intimidatori che coinvolgono la moglie di Bowden, Peggy (Polly Bergen), e la loro figlioletta Nancy (Lori Martin). Nonostante Bowden chieda aiuto al suo amico poliziotto Mark Dutton (Martin Balsam), Cady agisce sempre con astuzia e non si lascia mai cogliere sul fatto. Esasperato dalla situazione angosciosa in cui vive la sua famiglia, Bowden organizza un piano per far cadere in trappola il suo persecutore: conduce sua moglie e sua figlia in una casa galleggiante di sua proprietà situata nei pressi della foce di un fiume a poca distanza dalla città – luogo denominato il promontorio della paura – e, con la collaborazione dell’investigatore Charlie Sievers (Telly Savalas), fa credere a Cady di averle lasciate sole. Per Cady si prospetta così una ghiotta occasione per terrorizzare Peggy e Nancy, ma le sue cattive intenzioni non vanno a buon fine perchè Bowden riesce a fermarlo appena in tempo.
“Il promontorio della paura” è un film ben riuscito sotto tanti punti di vista. In primo luogo, grazie a una sceneggiatura interessante e una direzione efficace da parte del regista J. Lee Thompson, la pellicola risulta scorrevole e coinvolgente. Inoltre, la scelta degli attori è stata particolarmente felice: Gregory Peck è stato utilizzato in un ruolo a lui congeniale, quello del protagonista positivo, mentre Robert Mitchum, grazie alla sua straordinaria versatilità, ha dato vita a un personaggio inquietante e perverso. Degne di menzione anche le prove di Polly Bergen e della giovanissima Lori Martin che hanno contribuito a fornire al film un clima di angoscia e tensione. In tal senso, essenziale è stato l’apporto dell’ottima colonna sonora di Bernard Herrmann. Appropriata, infine, è stata la scelta di utilizzare il bianco e nero. A circa trent’anni di distanza è stato fatto un remake di questo film dal titolo “Cape fear – Il promontorio della paura” che ha come interpreti principali Robert DeNiro e Nick Nolte e che vede la partecipazione dei protagonisti del film originale, Gregory Peck e Robert Mitchum, in ruoli secondari.

Alcuni dati sul film:

Titolo originale: Cape fear
Anno: 1962
Genere: drammatico
Regia: J. Lee Thompson
Sceneggiatura: James R. Webb
Soggetto: dal romanzo “The executioners” di John MacDonald
Musica: Bernard Herrmann

Cast:
Gregory Peck interpreta l’avvocato Sam Bowden
Robert Mitchum interpreta Max Cady
Polly Bergen interpreta Peggy Bowden
Lori Martin interpreta Nancy Bowden
Martin Balsam interpreta l’ispettore Mark Dutton
Telly Savalas interpreta l’investigatore Charlie Sievers
Jack Kruschen interpreta l’avvocato Dave Grafton
Barrie Chase interpreta Diana Taylor

Alcune immagini del film:

Max Cady (Robert Mitchum) in un'aula del tribunale dove lavora l'avvocato Sam Bowden.

Peggy Bowden (Polly Bergen) abbraccia sua figlia Nancy (Lori Martin), spaventata a morte dal malefico Cady all'uscita di scuola.

Nancy cerca di sfuggire per la seconda volta al minaccioso Cady.

Il perverso Cady insidia anche Peggy sulla casa galleggiante.

Sam Bowden (Gregory Peck), Peggy e Nancy rientrano a casa dopo la terribile disavventura al promontorio della paura.

I cannoni di Navarone (1961)

24 Nov
Articolo già pubblicato il 05/11/2009 su http://carovecchiocinema.splinder.com/

__________

Nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, la Grecia e alcune sue isole dell’Egeo sono sotto il controllo tedesco. Un gran numero di soldati inglesi si trovano bloccati nell’isola di Keros e i tedeschi hanno deciso di attaccarli per dare una dimostrazione della loro potenza e convincere così la Turchia a entrare in guerra con loro. L’unico modo per portare in salvo questi soldati è l’invio di alcune navi inglesi la cui rotta per giungere a Keros prevede il passaggio obbligato presso la vicina isola di Navarone; in quest’isola, presidiata dai tedeschi, vi è una fortezza inespugnabile scavata nella roccia su cui sono montati due enormi cannoni in grado di affondare qualsiasi nave passi da quelle parti. Vista la difficile situazione, viene organizzata una missione con lo scopo di distruggere i cannoni e consentire alle navi inglesi di giungere in tempo a Keros per sottrarre i soldati al loro tragico destino. Gli uomini scelti per la missione sono: il capitano Mallory (Gregory Peck), conoscitore della lingua greca e di quella tedesca nonchè esperto scalatore; il caporale Miller (David Niven), professore di chimica e esperto di esplosivi; l’ex-colonello dell’esercito greco Andrea (Anthony Quinn), uomo coraggioso e ottimo conoscitore dei luoghi; il soldato Brown (Stanley Baker), esperto di meccanica e abile nell’uso del pugnale; il giovane e impavido soldato di origine greca Pappadimos (James Darren); e, infine, il comandante della spedizione il maggiore Franklin (Anthony Quayle). Il cammino per raggiungere la fortezza è lungo e pieno di difficoltà. Per prima cosa, il viaggio in mare per giungere a Navarone viene fatto con una vecchia barca in mezzo alla tempesta, poi il gruppo deve affrontare la scalata di una parete rocciosa per accedere all’interno dell’isola. Lì incontrano due donne del luogo, Maria (Irene Papas) e Anna (Gia Scala), che hanno il compito di aiutarli nel proseguo della missione. Ma una delle due in realtà è una spia dei tedeschi e questo complica i piani dei sabotatori. Nonostante ciò, gli eroici uomini della spedizione riescono a portare a termine la missione facendo esplodere i cannoni tedeschi, consentendo così alle navi inglesi di raggiungere in tempo l’isola di Keros.
Il film è veramente coinvolgente, teso e ben ritmato nelle sue varie fasi. C’è anche qualche momento in cui emergono gli aspetti umani e la psicologia dei personaggi. Il cast di attori è di primo livello, basti pensare ai primi tre nomi che non hanno certo bisogno di presentazioni. Ottimi gli effetti speciali del film che furono premiati con l’Oscar. Molto belle le musiche di Dimitri Tiomkin.

Alcuni dati sul film:

Titolo originale: The guns of Navarone
Anno: 1961
Genere: guerra, avventura
Regia: J. Lee Thompson
Sceneggiatura: Carl Foreman
Soggetto: da un racconto di Alistair MacLean
Musica: Dimitri Tiomkin

Cast:
Gregory Peck interpreta il capitano Mallory
David Niven interpreta il caporale Miller
Anthony Quinn interpreta Andrea
Stanley Baker interpreta il soldato Brown
Anthony Quayle interpreta il maggiore Franklin
James Darren interpreta il soldato Pappadimos
Irene Papas interpreta Maria
Gia Scala interpreta Anna

Alcune immagini del film:

I due giganteschi cannoni tedeschi.

Il gruppo dei sabotatori si avvia in barca verso l'isola di Navarone. Da sinistra: Anthony Quayle, Stanley Baker, Anthony Quinn, David Niven, James Darren e Gregory Peck.

Mallory (Gregory Peck) scala la ripida parete rocciosa.

Maria (Irene Papas) si unisce al gruppo.

La fortezza esplode assieme ai cannoni. La missione è compiuta!